“Il Quartetto è un luogo privilegiato di esperienza profonda dove si può essere a volte unici e a volte multipli, dove si cerca la fusione e la personalizzazione. Un luogo di scambio con possibilità infinite che stimola continuamente il gruppo ad alzare il livello, una speciale intesa. E se un quartetto è intesa, due quartetti insieme sono intesa perfetta, un “luogo” dove tutto è musicalmente possibile.”

PROGRAMMA

Anton Webern (1883-1945) – Langsamer Satz

Giacomo Puccini (1858-1924) – Crisantemi, elegia per quartetto d’archi

Felix Mendelssohn-Bartholdy (1809-1847) – Ottetto in mi bemolle maggiore, op. 20